Grandi dimissioni: 4 azioni per contrastare questo fenomeno aziendale

Sempre più, in Italia, si parla del fenomeno delle grandi dimissioni: cos'è e come contrastarlo


C'era una volta... il posto fisso, un'ambizione che ha condizionato per decenni le scelte di intere generazioni: ma qualcosa è cambiato


L'impianto del lavoro tradizionale, fortemente gerarchizzato e basato sulle performance e sulla produttività, ha iniziato a scricchiolare e oggi, dopo due anni di pandemia, stiamo assistendo ad una trasformazione che lo scuote nelle fondamenta.


Grandi dimissioni: da dove arrivano?


Il fenomeno delle grandi dimissioni è nato al di là dell'Oceano Atlantico ed è noto anche con i nomi di "Big Quit" o "Great Resignation. In sostanza, si tratta di un'ondata senza precedenti di lavoratori che danno le proprie dimissioni. Nel 2021 sono stati 25 milioni dei quali 4,5 soltanto nel mese di novembre. Sebbene con una portata decisamente più ridotta, questo fenomeno è arrivato anche in Italia.


Solo nel secondo trimestre del 2021 il boom è stato dell'85%, mentre nel terzo la media è stata del 26,7%. Due le principali teorie:

  • una risposta concreta ai mesi della pandemia;
  • un mutamento sostanziale o ormai inarrestabile dei paradigmi lavorativi.

In Smartpeg, azienda leader nel settore dello Human Resource Management, grazie ai propri servizi di consulenza e all'utilizzo di strumenti dedicati è in grado di aiutare le aziende a trattenere i propri talenti.


Secondo i dati riportati dall'US Bureau Of Labor Statistics, soltanto negli Stati Uniti a luglio del 2021 ben 4 milioni di persone hanno dato le proprie dimissioni. Nei mesi precedenti, invece, si è registrata una crescita costante (aprile 2021 il periodo di picco massimo) di persone che hanno deciso di lasciare il proprio lavoro.


Parallelamente, una ricerca effettuata dall'Harvard Business Review, su 9 milioni di lavoratori di circa 4 mila aziende ha fatto venire a galla due elementi:

  • la maggior parte delle risorse che ha presentato le dimissioni ha un'età compresa tra i 30 e i 45 anni;
  • il numero di dimissioni delle risorse più giovani ha avuto un incremento, ma non così consistente rispetto all'altra fascia considerata.

Le grandi dimissioni in Italia


Secondo il 5° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale (uscito a marzo 2022), in Italia il fenomeno delle grandi dimissioni non è così diffuso come all'estero.


Infatti, il 56,2% degli occupati non pensa affatto a lasciare il proprio lavoro, nella convinzione che non troverebbe un impiego migliore di quello attuale.


Si conferma quindi un trend di più lungo periodo di crescita delle dimissioni legato all'aumento della precarietà dei rapporti di lavoro. Tra i lavoratori italiani vince il pragmatismo rispetto alla tentazione della Great Resignation, cioè le dimissioni al buio alla ricerca di un impiego più gratificante o per fare atro. Ancora, tra i lavoratori italiani, fa più paura l'idea di ritrovarsi impantanati nella precarietà del mercato del lavoro.


Questo, però, non significa affatto che i lavoratori italiani sono soddisfatti:

  • l'82,3% (l'86% tra i giovani e l'88,8% tra gli operai) si ritiene insoddisfatto della propria occupazione, ritenendo di meritare di più;
  • il 58,1% dei lavoratori ritiene di ricevere una retribuzione non adeguata al lavoro svolto. Una percezione confermata dalle statistiche ufficiali: negli ultimi vent'anni, infatti, la retribuzione media lorda annua in Italia su è ridotta del 3,6% in termini reali (al netto dell'inflazione), mentre in Germania sono aumentate del 17,9% e in Francia del 17,5%.

Oltre le grandi dimissioni: 4 azioni per costrastare questo fenomeno


Ecco allora che il termine "Great Resignation" può portare fuori strada. Le persone, infatti, non stanno lasciando un posto di lavoro ma stanno cercando dei posti di lavoro che permettano di realizzare i loro sogni o di vivere la vita che preferiscono.


In questo senso, le aziende che sapranno meglio intercettare e rispondere a questi bisogni, avranno a disposizione la più granfe "piscina dei talenti" degli ultimi dieci anni.


"Oggi la valorizzazione rappresenta il termine vincente, soprattutto per saper tirare fuori i talenti di ogni persona. Mettere le persone nella condizione di dare il meglio".

Gianni Cicogna


Nel dettaglio, sono principalmente quattro le azioni chiave per contrastare questo particolare fenomeno:

  • ascolto, coaching, e mentoring;
  • velocità di crescita;
  • costruire un modo di lavorare sostenibile;
  • Hybrid Working
  • .

Il ruolo degli HR


La vera sfida degli HR è quella di riuscire a creare un ambiente di lavoro in cui i dipendenti vogliano restare e nuove persone vogliano entrare. L'HR ha quindi il compito di creare una strategia che vada a rompere il fenomeno delle grandi dimissioni e per farlo deve:

  • trasmettere la cultura e i valori dell'azienda a chi è in crisi, dimostrando con comportamenti concreti ciò che è nella carte dei valori;
  • creare esperienze per le proprie persone e per i dipendenti del futuro. Più le esperienze sono informali, più ci sarà la possibilità di incontrare persone diverse da chi lavora già all'interno dell'azienda.

Il primo passo, dunque, per reingaggiare le persone e trattenere i talenti in azienda è mettere la trasparenza al centro di qualsiasi scelta, di business e non solo.

La Human Innovation è iniziata


Entra a far parte della Human Innovation grazie a Livrea, il primo software di Talent Management Mande in Italy in grado di riunire i talenti, la tecnologia e i processi in un'unica visione orientata al benessere d'impresa.

Livrea è il software all'avanguardia per coltivare i talenti di ogni azienda. Unico nel suo genere con i moduli Magic Mirror e Dream Team cambia il modo in cui le aziende possono coltivare i talenti delle risorse umane. Livrea è in grado di generare la mappa dei talenti, sia della singola persona che dell'intero team.


Con Livrea, dalle piccole alle grandi organizzazioni, ogni azienda diventa consapevole delle proprie capacità per migliorare la performance e il clima organizzativo, armonizzando le risorse umane e l'organizzazione.

Talenti

  • Sviluppo della persona e del team;
  • valutazione di hard skill, soft skill e personalità;
  • personalizzabile per ruoli e skills.


Tecnologia

  • HRMS su Cloud;
  • modulare e user friendly;
  • assistenza rapida e completa.


Processi

  • Oper integration;
  • caricamente e acquisizione dei dati semplificata;
  • configurabile per ogni settore aziendale.